Quando ?!

Quando ?!

ho iniziato a scattare 📷 fotografie e dedicarmi alle parole? Nel momento in cui ho deciso che mi ero stancata di percorrere strade che non mi arricchivano; in quel “preciso istante” ho compreso che la gratificazione e le piccole gioie…
Non..

Non..

bisogna mai elemosinare un sorriso o una bella parola. I rapporti umani sono fragilissimi e necessitano di attenzioni continue. Gli effetti positivi si devono sentire sulla nostra pelle e all’interno di noi . Poesia per l’anima. By Rita
Tanti …..

Tanti …..

oserei dire infiniti i modi per cercare ogni giorno nuovi stimoli dentro di me per osservare con attenzione le reazioni verso le situazioni che vivo. Fantasia, la lettura di una nuova poesia e perdermi ancora una volta nelle parole la…
La poesia….

La poesia….

è grazia dei pensieri , giocare con passioni che avevamo per svariati motivi soffocato,intense carezze che riserviamo alla nostra anima.Rita se si incontra la poesia si vive meglio.Jovanotti
E’ vero….

E’ vero….

ogni situazione che viviamo ci insegna sempre qualcosa di molto importante almeno nel mio caso è sempre stato così. Lavoro, amicizia e sentimenti vari mi hanno spesso aperto gli occhi aiutandomi a scoprire quali scenari sono consoni al mio modo…
Imparare…..

Imparare…..

a rispettare noi stessi è il compito più difficile che ogni giorno dobbiamo affrontare. Il tempo come sempre ci insegna quale strada intraprendere per raggiungere la meta. Non esistono legami particolari – famiglia, amore, amicizia per stabilire quanto di noi…
Un regalo di parole.   Racconti di Rita Tedeschi.                     Mi piace l’idea di spendere il mio tempo a rincorrere le parole, di fantasia o che rispecchiano piccoli ritagli della mia giornata. Loro sono al mio fianco e trascriverle è il modo migliore per ringraziarle.                 Un regalo di parole è il mio personale dono al Natale.                 Signora ….. i suoi pacchetti pieni di regali ha impiegato così tanto tempo a sceglierli e ora li dimentica.?!Tornando indietro di un’ora la scattante signorina del negozio aveva ragione,  si era persa tra i mille gingilli scegliendo con cura persino la carta da abbinare a quei piccoli doni e dopo tanta fatica  stava per abbandonarli al loro destino. Adriana si era giustificata dicendo che era colpa della mascherina  per cambiare nel giro di un minuto versione e attribuire la  distrazione  allo stress delle feste.  Una valanga di chiacchere  tra lei e la gentile commessa che aveva solo voglia di scappare  da quella signora che non riusciva a decifrare.   La realtà era un’altra,  Adriana non comprendeva  più quella corsa sfrenata per comprare e accumulare oggetti; non voleva apparire disfattista agli occhi degli altri ma aveva maturato negli ultimi anni una visione della vita completamente diversa.  Da qualche mese scriveva ovunque che era felice di aver ritrovato alcune parole che negli anni aveva perso per strada; la curiosità che aleggiava intorno alla spontanea esternazione erano delle carrambate senza senso.  Solo lei conosceva il significato profondo di quelle parole, con i pacchetti tra le mani iniziò a camminare percorrendo  il porticato di San Pietro desiderava vedere il meraviglioso albero illuminato da una luna che lasciava senza fiato. Intorno a lei  i senzatetto  si preparavano a trascorrere la notte tra i cartoni e bottiglie vuote; un particolare colpi’ il il suo sguardo,  la complicità che li univa. I visi erano stanchi  di solitudine e disagio ma desiderosi di comunicare con il sorriso. Adriana non ebbe il coraggio di allungare a loro quei frivoli doni perché  forse possedevano  più di tanti altri, la gioia di stare insieme senza il peso dei beni materiali. Si raccolse con i suoi pensieri davanti al meraviglioso albero e ringraziò ancora una volta  le  parole ritrovate che  solo lei sapeva a chi le avrebbe dedicate. Lentamente volto’ le spalle alla maestosità della piazza con  i suoi pensieri rivolti al meraviglioso cielo che illuminava la città. 

Un regalo di parole. Racconti di Rita Tedeschi. Mi piace l’idea di spendere il mio tempo a rincorrere le parole, di fantasia o che rispecchiano piccoli ritagli della mia giornata. Loro sono al mio fianco e trascriverle è il modo migliore per ringraziarle. Un regalo di parole è il mio personale dono al Natale. Signora ….. i suoi pacchetti pieni di regali ha impiegato così tanto tempo a sceglierli e ora li dimentica.?!Tornando indietro di un’ora la scattante signorina del negozio aveva ragione,  si era persa tra i mille gingilli scegliendo con cura persino la carta da abbinare a quei piccoli doni e dopo tanta fatica  stava per abbandonarli al loro destino. Adriana si era giustificata dicendo che era colpa della mascherina  per cambiare nel giro di un minuto versione e attribuire la  distrazione  allo stress delle feste.  Una valanga di chiacchere  tra lei e la gentile commessa che aveva solo voglia di scappare  da quella signora che non riusciva a decifrare. La realtà era un’altra,  Adriana non comprendeva  più quella corsa sfrenata per comprare e accumulare oggetti; non voleva apparire disfattista agli occhi degli altri ma aveva maturato negli ultimi anni una visione della vita completamente diversa.  Da qualche mese scriveva ovunque che era felice di aver ritrovato alcune parole che negli anni aveva perso per strada; la curiosità che aleggiava intorno alla spontanea esternazione erano delle carrambate senza senso.  Solo lei conosceva il significato profondo di quelle parole, con i pacchetti tra le mani iniziò a camminare percorrendo  il porticato di San Pietro desiderava vedere il meraviglioso albero illuminato da una luna che lasciava senza fiato. Intorno a lei  i senzatetto  si preparavano a trascorrere la notte tra i cartoni e bottiglie vuote; un particolare colpi’ il il suo sguardo,  la complicità che li univa. I visi erano stanchi  di solitudine e disagio ma desiderosi di comunicare con il sorriso. Adriana non ebbe il coraggio di allungare a loro quei frivoli doni perché  forse possedevano  più di tanti altri, la gioia di stare insieme senza il peso dei beni materiali. Si raccolse con i suoi pensieri davanti al meraviglioso albero e ringraziò ancora una volta  le  parole ritrovate che  solo lei sapeva a chi le avrebbe dedicate. Lentamente volto’ le spalle alla maestosità della piazza con  i suoi pensieri rivolti al meraviglioso cielo che illuminava la città. 

Una breve storia per festeggiare ( a modo mio) il Natale
Sempre loro …parole in libertà. Quando leggo un qualcosa che mi colpisce nel profondo non posso e non voglio fare altro che elaborarle dentro di me. Oggi mi è capitata questa emozione leggendo lo stato di una persona a me molto cara.Era una sequenza di pensieri scritti non so bene da chi ( ma questo non è importante) che descriveva perfettamente quale dovrebbe essere la strada per essere presenti a noi stessi. Le frasi erano molte e sarebbe lungo commentarle tutte; mi limitero’ a riassumere   alcuni stralci che mi hanno interessato maggiormente: fondamentale è comprendere che nessuno deve farci sentire inferiori, che un rapporto di amicizia/ amore/lavoro/famiglia non può crescere in un clima di sudditanza e imparare a stare da soli coltivando i nostri interessi è e sarà la nostra forza. La libertà interiore si costruisce giorno dopo giorno a costo di non essere accettati da tutti o diventare impopolari.Il post mi ha coinvolto e conseguentemente mi ha fatto navigare in poesia.Grazie.By Rita
Nei giorni passati scrivevo che spesso perdiamo di vista alcune parole e ritrovarle è il premio alla nostra caparbietà. E’ vero “spesso” a causa di  stimoli negativi, notizie infondate, scienziati della porta accanto e  ipocrisia generalizzata  perdiamo di vista occasioni che aprono il cuore a un sorriso e a sentirci liberi dentro.  Libertà   nel rispetto di noi stessi e degli altri.Buona navigazione e un grazie alle parole che ogni giorno riesco a trovare dentro di me.Rita
Navigare in poesia/Le giornate di settembre sono avvolgenti e calde come una pashmina colorata, sfumature nell’aria ancora intense ma che lentamente mutano in  colori meno accesi soprattutto nelle prime ore della mattina e la sera.Sento che l’aria svolazza leggera e soffice come una stoffa delicata, un tessuto che evoca zone e luoghi che mi portano piacevolmente in viaggio con la mente e allora osservo la mia industruttibile  pashmina e rivedo l’affollato bazar dove l’ho acquistata e sorrido dei miei continui voli da eterna sognatrice.By Rita
Chiacchere in libertà.   Allena la mente. Questa mattina nella mia posta elettronica ho ricevuto un lungo articolo dal titolo allena la  mente;  mi sarebbe piaciuto trascriverne alcuni passaggi ( per me ) estremamente interessanti ma il risultato sarebbe stato un copia e in colla senza significato.Mi limiterò a scrivere il mio punto di vista: la mente è come un muscolo ha bisogno di un costante allenamento al pari del nostro fisico per dare dei discreti risultati e  liberarla da tutto ciò  che è tossico.Un approccio sereno con gli  interessi,affetti e passioni che incontriamo possono  aiutarci a  forgiare lo spirito  e appagare i piccoli sogni che abbiamo. Mi sono resa conto che voltarmi continuamente indietro e ripetere ho sbagliato  serve solo ad accrescere paure e ansie .Il segreto mi auguro sia quello di avere fiducia in se stessi e scegliere le persone giuste con cui navigare.By Rita
Ieri ho seguito una piacevolissima trasmissione sul Festival di Venezia e mi ha colpito in modo particolare per la descrizione (non solo dei film) ma per la cura che hanno dedicato  al mondo delle emozioni e per emozioni intendo quelle di tutti i giorni; la bellezza delle nostre città, l’interesse per un libro il tutto incorniciato da  scatti fotografici di  tramonti  e suggestive albe.Mi sono sentita meno sola,  piacevolmente inserita in un contesto di persone che  esprimono quello che sentono  attraverso  lo sguardo, immagini e parole. By Rita
È  bello scoprire come le parole possano subire dentro di noi  dei cambiamenti, fioriscono nei momenti di tranquillità o  accompagnano  la malinconia. Le parole sgorgano improvvise sono l’attrazione,  il ponte tra noi e i sentimenti che proviamo. “Sentimenti” che vivono in accordo con chi o cosa è in grado di suggestionare il nostro sguardo e i nostri sensi. Imparare a dare valore alle parole che contano e a chi le pronuncia sarà la nostra personale vittoria. By Rita
Raccogliere

Raccogliere

parole sparse è diventato il mio hobby, una terminologia personale che non si trova sul vocabolario ma dal significato preciso al pari di “navigare in poesia”. Le parole sparse le trovo negli angoli nascosti della mia giornata e ogni volta…
Karma

Karma

Sono alla ricerca di un nuovo libro, sfoglio un settimanale ricco di recensioni sull’argomento e il mio occhio si posa su un articolo dell’autrice di “cambiare l’acqua ai fiori” Valerie Perrin. Le parole che esprime nella delicata e pacata intervista…
Si…..

Si…..

Musica e musicalità,forza, energia, umori, colori e suggestioni. Si ripetono queste parole nel mio vocabolario ma a differenza di altre infondono un senso di piacevole leggerezza o meglio creano armonia. La loro forza è data da tutto quello che sanno…
Provo…

Provo…

provo simpatia per chi legge dai bigliettini dei baci perugina ai pensieri filosofici. Scritte o racchiuse in un libro le parole si trasformano in una piacevole e intensa compagnia con cui condividire il nostro tempo.By Rita non esiste una magia…
Navigare…

Navigare…

navigare in poesia è la capacità di accogliere ed elaborare le situazioni che vivo. Buona giornata. Rita c’è un solo tipo di successo: quello di fare della propria vita ciò che si desidera.Henry David Thoreau .
Ti ricorderò

Ti ricorderò

Ti ricorderò con le tue mani che volavano sulla tastiera e con il profondo rispetto che avevamo nel raccontarci. Abbiamo avuto tanti momenti di spensierata condivisione e altri dove abbiamo aperto il nostro cuore con sincerità e profonda amicizia. Grazie…
Navigare in…..

Navigare in…..

Navigare in poesia e’ l’incontro tra delicate percezioni che nascono improvvisamente regalandoci infinita gioia interiore…….Buona navigazione amici…Rita Non far caso a me, io vengo da un altro pianeta.Io ancora vedo orizzonti dove tu disegni confini.Frida Kahlo
Colori……

Colori……

Spesso parlo di colori perche’ in realta’ la nostra esistenza e’ fatta di colori , sgargianti o opprimenti a secondo del momento e delle problematiche.Sovente siamo attraversati da pensieri malinconici ma altre volte tutto sembra colorarsi come un tempo il…
Tra poche ore….

Tra poche ore….

… salutero’ Sant’Angelo. Anche questa volta il mio borgo non mi ha deluso regalandomi la tranquillita’ di cui avevo bisogno.Sbarcando ho salutato simbolicamente mio padre e’ stato lui il fautore di questo incontro con l’isola.Negli anni non mi ha mai…
8 marzo.

8 marzo.

Semplicemente auguri. Auguri alle nostre paure,  sbalzi di umore e gioie improvvise. Auguri ai  nostri infiniti sogni in una società libera da preconcetti, violenze verbali e fisiche .Auguri per la nostra libertà di pensiero e di azione e nella forza…
On the road.

On the road.

Finalmente ho trovato le parole giuste per definire questo mio piccolo rifugio che mi piace curare e condividere con voi. Pensieri liberi, niente foto o notizie sensazionali.Sarebbe lungo e probabilmente inutile spiegare perche’ e’ nata questa mia esigenza. Ora questo…